Renato Zero, chiesti un anno e quattro mesi per il figlio adottivo Roberto Anselmi Fiacchini per maltrattamenti

0
20


Un anno e quattro mesi. A sedici mesi ammonta la condanna chiesta dalla Procura di Roma per Roberto Anselmi Fiacchini, il figlio adottivo di 46 anni di Renato Zero. Le accuse per l’ex guardia del corpo dell’artista romano, poi divenuto legalmente suo erede, sono di maltrattamenti in famiglia e di lesioni. Secondo quanto emerge dalle indagini, l’uomo avrebbe perpetuato un comportamento molesto ai danni della compagna Emanuela Vernaglia durante la seconda convivenza dei due. La coppia è stata infatti sposata tra il 2004 e il 2009, ma un anno dopo la rottura i due sono tornati a vivere sotto lo stesso tetto. Proprio a quest’ultimo intervallo di tempo afferiscono le presunte vessazioni psicologiche e violenze fisiche che sono ora oggetto di dibattito.

In base a quanto rivelato, Roberto Anselmi Fiacchini avrebbe condannato la donna ad una vita di continue pressioni, sindacando in maniera aggressiva spese giudicate inadeguate e minacciandola di ridurla sul lastrico. Dalle intimidazioni verbali allo scontro fisico, pare che il passo sia stato molto breve: nel procedimento legale si fa riferimento, in particolar modo, a uno scontro durante il quale l’uomo avrebbe stretto prepotentemente una delle braccia della moglie, tanto da ferirla. Le figlie della coppia avrebbero confermato la versione della madre. L’ultima battuta del processo per l’accertamento delle responsabilità e delle colpe è programmata per l’11 novembre prossimo.

L’avvocato della difesa, Anna Maria Anselmi, ha spiegato che l’assistito e la moglie restauratrice si sarebbero definitivamente riconciliati negli ultimi anni, tanto da aver deciso di continuare la convivenza anche durante il processo:

Il procedimento penale ha avuto origine da una querela proposta dalla signora Vernaglia in un momento di crisi coniugale, in coincidenza con la procedura di separazione. Il rapporto matrimoniale si è ricostituito da circa quattro anni, tanto che la moglie non è parte civile nel processo e i coniugi hanno altresì rinunciato alla separazione e vivono felicemente insieme alle loro due figlie.

Renato Zero, chiesti un anno e quattro mesi per il figlio adottivo Roberto Anselmi Fiacchini per maltrattamenti pubblicato su Gossipblog.it 19 ottobre 2019 18:51.



Source link

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here