Ettore Bassi, l'ex moglie attacca: "Si rifiuta di mantenermi e non sta con le nostre figlie"

0
14


Angelica Riboni ed Ettore Bassi, una lunga storia d’amore nata nel 2000 suggellata dall’anello al dito nel 2009 e dalla nascita di 3 figlie. Dopo una crisi attraversata e superata, il matrimonio giunge alla fine tre anni fa. Gli strascichi dei problemi post-matrimonio ora vengono fuori dopo un lungo silenzio da parte della donna che, dalle pagine del settimanale Oggi, si sfoga: “Se adesso ho deciso di parlare, è perché sono disperata: non ho una vita, non ho un soldo, sono ostaggio di mio marito e di cavilli burocratici“.

La fine della storia:

Io ed Ettore ci siamo lasciati nel 2016, su mia decisione: ha fatto cose che non ho potuto davvero perdonare. I problemi erano altri, più profondi e personali. Per superarli, facemmo un percorso psicologico. Ci aiutò, diciamo così, il mio non essere bigotta.

Angelica spiega che non c’è stato rimedio alla rottura nonostante i due abbiano scelto di lasciarsi in modo armonioso e senza battibecchi “per il bene delle nostre figlie” questo però ha lasciato alle spalle il nodo ‘separazione’:

La sua proposta era questa: 1.500 euro per le figlie e niente per me “perché hai fatto sempre la mantenuta e hai il tuo trullo da cui trarre sostentamento”. E garantiva la presenza due giorni al mese, poi “alzati” a quattro.

Le viene domandato se ha fatto la mantenuta, lei risponde citando il periodo in cui i due sono stati insieme:

Quando ho conosciuto Ettore, facevo la grafica per il web: ero una pioniera, e molto apprezzata. Poi, visto che lui ha ingranato con Carabinieri, e in tre anni sono arrivate due figlie,ho messo la mia professionalità al servizio della sua carriera: da Milano l’ho seguito a Roma e Città della Pieve (dove si girava Carabinieri, ndr), ho costruito il suo sito, lo consigliavo sui copioni, mi occupavo, sia in termini di organizzazione sia in veste di grafica, delle sue gare automobilisti che della squadra di calcio che ha messo su per beneficenza. E, ovviamente, stavo dietro alle bimbe, tenendo conto che la nostra Amelia è una meraviglia che ha bisogno di qualche attenzione supplementare. Lui, così, poteva concentrarsi sul lavoro e sugli hobby.

Afferma che l’attore è stato comunque un padre ottimo “Quando c’era” ma col passare del tempo la situazione è decisamente cambiata: ” Nel 2015 ci siamo trasferiti tutti in Puglia, ma poi il teatro e la tv lo hanno portato soprattutto al nord: a Trieste per La Porta rossa, a Milano per Bodyguard. E se saltava fuori un weekend libero, lo dedicava ai suoi hobby. Mica a noi“.

Le condizioni nella quale ora l’ex di Bassi vive sono decisamente problematiche:

Non esco mai, mi sento in colpa se compro un gelato per Amelia o mi prendo un caffè al bar. Non penso neppure alla mia salute: ho problemi al bacino, dovrei fare fisioterapia e agopuntura, ma non me le posso più permettere. Sono uno straccio: non riesco a prender sonno, per addormentarmi mi devo sfinire sul divano davanti a una serie tv.

Si aggiunge anche il fatto che Angelica per ora sia in cerca di lavoro (“Vivo degli aiuti dei miei genitori“), ma le cose non sembrano essere affatto semplici:

Se lui “stanzia” solo due giorni al mese, come faccio a lavorare? Chi si occupa della casa, delle ragazze,della loro scuola, della terapia di Amelia? Io dico: o paghi, o ci sei stabilmente un paio di settimane al mese, così mi cerco un lavoro che comunque dovrà per forza essere flessibile e part-time.

Dal 2018 la donna e il suo ex sono alle prese con un processo diventato ‘un delirio’ secondo quanto lei afferma. Da questo processo è uscita solo una sentenza provvisoria che stabilisce “Che lui versi un assegno di 1.800 euro ogni mese per le ragazze e niente per me,perché io avrei un ‘potenziale lavorativo’ da sfruttare” in più il giudice ha stilato un calendario nella quale Bassi dovrebbe stare con le sue figlie “un weekend sì e uno no” con l’opzione di modifica delle date a suo piacimento “fino a sette giorni prima”, una misura che (a detta di Angelica) l’attore non starebbe rispettando:

Non ha mai rispettato i weekend alterni e cambia idea all’ultimo. A settembre si è fatto vedere solo una volta. Durante i tre mesi nei quali ha partecipato a Ballando con le stelle ha visto le figlie in tutto per quattro giorni, compresi i due in cui loro hanno partecipato al talent – dice – Però il tempo per le gare in macchina e per rilassarsi in Puglia lo trovava.

L’assegno da 1.800 sembra non bastare alla famiglia “Restano spiccioli” e nonostante l’ex moglie abbia provato ad impugnare la sentenza, i problemi per lei sembrano non avere tregua: “Con un colpo di teatro ora Ettore sta cercando di spostare il processo a Bari, è ricorso pure in cassazione per riuscirci. Mi viene da pensare male, forse si sente più sicuro giù, dove ha molte conoscenze

Angelica lancia così un appello per risolvere l’intricata vicenda: “Ettore, lascia perdere la Cassazione, andiamo davanti a un giudice e chiudiamo questa manfrina, per il bene di tutti“.

In conclusione del lungo sfogo, la donna non si dà colpe per la separazione con l’attore (da agosto nuovamente fidanzato con Simonetta Montrone, figlia del patron di Telenorba):

So di essere permalosa e disordinata ma non affliggo e distruggo chi ho vicino. Ho scelto di andare in tribunale perché ho subìto delle cose gravi che preferirei tenere per me. Mi presenta come una persona instabile, viziata e spendacciona. Tutta una bugia, una recita.

Ettore Bassi, l’ex moglie attacca: “Si rifiuta di mantenermi e non sta con le nostre figlie” pubblicato su Gossipblog.it 14 novembre 2019 14:31.



Source link

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here