Alba Parietti risponde agli haters: "Rosiconi! ancora ‘je l’ammollo!" (FOTO)

0
68

Altro che età che avanza! Alba Parietti non ha paura di nessuno (e questo lo sappiamo da tempi non indifferenti), tanto meno delle critiche che puntualmente gli sono piovute in anni di carriera. Le ultime polemiche in ordine cronologico sono sorte per uno scatto pubblicato sui suoi social.

Tanti utenti si sono lamentati poiché, a loro parere, Alba avrebbe utilizzato il tocco magico di Photoshop. Lei non ci sta e durante la trasmissione radiofonica di Rai Radio 2 I lunatici ha voluto replicare:

L’Italia è già impazzita da un pezzo e io gli sto dando una mano in peggio. I grandi interrogativi di questa nazione sono trovare Mark Caltagirone e capire se io ho usato Photoshop. Devo dare una delusione, ho visto quanti esperti e rosiconi sono apparsi a dire che la foto era ritoccata. Vorrei pubblicare l’originale per far rosicare. Qualsiasi donna se si vede un difetto cerca un po’ di eliminarlo, ma quello scatto è molto simile all’originale. E poi non è che la vecchiaia può accorciarmi le gambe. Non toccatemi le gambe!

E con una certa dose di autostima (che alla showgirl non manca mai), Alba rispedisce le malelingue al proprio posto: “Ho accecato molte generazioni e forse ancora ‘je l’ammollo‘”.

Insomma, non è ancora tempo per buttarsi via e non c’è invidia che tenga, per la Parietti non ha nulla a che fare con lei, tanto meno nelle relazioni:

Può capitare di fare del male involontariamente, ma una cosa subdola non l’ho mai fatta. Ad esempio, se sono amica di una donna, se anche avesse il marito più speciale della terra, per me quell’uomo diventa trasparente. Invece a me le amiche hanno spesso provato a rubare il compagno. E io le ho anche perdonate. Anche perché loro ci hanno provato con i miei uomini, ma non ci sono riuscite.

Inarrestabile, Alba viene interpellata anche sui protagonisti della politica d’oggi: Un nome fra tutti? Matteo Salvini. Per lui arrivano gli elogi della graffiante opinionista:

Lui parla in italiano, altri politici sembrano come l’avvocato che parla con termini incomprensibili. Bisogna dar modo all’elettorato, anche quello più semplice, di capire cosa si comunica. Bisogna modificare il linguaggio, andare più verso il cuore e le esigenze della gente.

 

Loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here